Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

HOME PAGE MY COLLECTION ANTIQUE TOYS SHOP  SEARCH / EXCHANGE NON TUTTI SANNO CHE PERSONAL PAGE HOME SUPER8MM VUOTO NON TUTTI SANNO 3 PAGINA 35MM 16MM VUOTO VUOTO VUOTO web store 2 VUOTO VUOTO VUOTO foto libro nagai non tutti sanno 4 VUOTO NON TUTTI SANNO 2  VUOTO VUOTO VUOTO S8 FANTASCIENZA FILM INTEGRALI 1 S8MM MUPI tatsunoko libro HOME DI VHS  VHS ITB VHS GONG VIDEO VHS DURIUM VHS UNIVRSAL VHS 999 VHS STARDUST VHS VIDEO PIU' VHS ANTONIANA VHS DOMOVIDEO VHS CINEHOLLY BIG ROBOT S8 BOB. RIdotti 120 FILM INTEGRALI 2 FILM INTEGRALI 3 VHS cinelux VHS CONCORDE VHS STARDUST 2 la mia pagina personale VUOTO web store4 VUOTO expo libro 

HOME DI VHS

CONTATTAMI

Progettazione Grafica by F.G.L. Grafic Designer

Sito a scopo divulgativo tutte le imagini/video sono di proprietà degli autori di produzione

Questo è il formato che sorclassò rapidamente il formato Super 8mm nei primi anni 80. La prima ditta di vhs che commercializzò i film d’animazione Giapponesi fu la gloriosa I.T.B., seguita dalla GVR. La prima riversò quasi tutti i film d’animazione arrivati in Italia , la seconda commercializzò anche alcune puntate di serie robotiche di spicco dell’epoca quali zambot3 daikengo e god zigma. Naturalmente giunsero in seguito moltime altre ditte che produssero numerose videocassette oggi rarissime e di gran valore collezionistico, una tra tutte la Cineholliwood che produsse Mazinga contro gli ufo robot e Gli ufo robot contro gli invasori spaziali. Ma cerchiamo di capire intanto cosa è il formato in questioneVHS è l'acronimo di (Video Home Service) ed è uno standard per la registrazione e la riproduzione di filmati analogici mediante videoregistratore (VRC).Venne sviluppato dalla JVC (con l'utilizzo di alcune tecnologie concesse in licenza dalla Sony) e lanciato sul mercato nell'autunno del 1976.VHS in origine era l'abbreviazione di Vertical Helical Scan (scansione verticale elicoidale) in base alla tecnica utilizzata. Già dalla fine degli anni '60 esistevano i grossi registratori a bobina, prodotti soprattutto dalla Ampex per l'industria televisiva. Successivamente, arrivò l'U-matic, prodotto dalla Sony, il primo sistema che sostituiva le ingombranti e scomode bobine con le prime cassette compatte contenti un nastro da 3/4 di pollice, quindi ancora inadatto ad un uso domestico. Nel 1972 la Philips introdusse in Gran Bretagna l'N1500, in un certo senso l'antenato dei sistemi di videoregistrazione domestica che però soffriva proprio il fatto di essere un pioniere con diverse problematiche legate soprattutto alla scarsa durata delle proprie cassette; ne servivano da 2 a 3 per registrare un unico film. Finché la videoregistrazione serviva solo agli operatori del settore, la priorità era stata la velocità di riavvolgimento; quindi nastri brevi che potessero essere riavvolti e trasmessi nel più breve tempo possibile. Basti pensare ai telegiornali che devono poter individuare velocemente l'inizio di un servizio da trasmettere che in genere dura pochissimi minuti.La videoregistrazione domestica invece avrebbe richiesto che i nastri durassero almeno 1 ora e mezza o 2 ore per poter registrare tranquillamente un film. Questo è stato uno degli ostacoli più difficili da superare.Fino a quel momento, gli unici nastri magnetici sufficientemente lunghi per poter registrare 1 ora e mezza, erano solo quelli audio usati nelle musicassette. Per quanto il principio sia lo stesso, il segnale video è molto più "pesante" del solo audio e le alte frequenze del segnale video, per poter esser registrate, obbligavano ad avere un elevata velocità del nastro davanti alle testine e quindi per poter ottenere la stessa durata le uniche alternative erano quelle di "allargare" il nastro, realizzando cassette molto ingombranti; oppure renderlo molto lungo, facendolo scorrere più velocemente sotto la testina. Quest'ultima soluzione però comporta diversi "effetti collaterali" tra cui il maggior rischio di rotture.La soluzione a tutto questo la trovò la Sony che l'1 giugno 1975 mise in commercio il proprio standard con il nome di Betamax.Il VHS arrivò sul mercato con quasi un anno di ritardo rispetto al concorrente Betamax, perdipiù era inferiore per molti aspetti al rivale. Le cassette erano più grandi, la qualità era decisamente più scarsa ma la capacità di immagazzinamento per ogni singolo nastro era superiore, arrivò a toccare perfino le 4 ore. A differenza di Sony, JVC cercò altri alleati (diffondendo e vendendo il brevetto VHS anche ad altre aziende), sia tra i produttori, sia tra le case cinematografiche e questo contribuì a mantenere i prezzi dei prodotti VHS più bassi rispetto al concorrente. Dato che ai quei tempi i negozi di videonoleggio noleggiavano anche i lettori, questi si orientarono verso lo standard di VHS che consentiva di acquistare interi stock di prodotti ad un prezzo ridotto, aumentandone i margini di profitto, e questo ha innescato una spirale: i negozianti acquistavano i lettori VHS, di conseguenza richiedevano film in VHS e le case cinematografiche "sfornavano" film in VHS. Chi doveva comprarsi un videoregistratore era quindi spinto all'acquisto della seconda tecnologia che, seppur inferiore, garantiva una maggiore compatibilità con i prodotti in commercio.Il VHS in origine permetteva un maggior tempo di registrazione rispetto al Betamax ed offriva il vantaggio di un meccanismo di trascinamento del nastro più semplice. I primi sistemi VHS potevano effettuare l'avanzamento veloce ed il riavvolgimento in maniera molto più rapida rispetto ai videoregistratori Betamax, poiché sfilavano il nastro dalle testine di riproduzione prima di cominciare il riavvolgimento veloce (la maggior parte dei videoregistratori moderni non effettuano più questa operazione in quanto il contatto fra testina e nastro non è più un impedimento per il riavvolgimento veloce).Il sistema venne perfezionato negli anni, soprattutto riprendendo idee sviluppate da Sony per il Betamax. In sostanza la Sony sviluppava una tecnologia e poco dopo anche il VHS ne offriva una simile. Tra le tante le principali sono state:- Venne aggiunto un sintonizzatore in grado di registrare da un canale mentre il televisore era sintonizzato su un altro. Arrivò anche la ricerca dell'immagine. - Veniva mostrata l'immagine mentre il nastro scorreva ad alta velocità.- Vennero presentati i primi videoregistratori denominati Hi-Fi che utilizzano una coppia in più di testine rotanti, montate sul tamburo di scansione, per registrare un audio stereofonico di migliore qualità insieme alle tracce video, sfruttando l'altissima velocità relativa nastro/testineOrmai questa tecnologia, nell'ambito della vendita di film per utenza domestica, è stata ampiamente superata e rimpiazzata dal DVD. Resiste, seppure fortemente insidiata, solo in ambito di videoregistrazione domestica, data la sua maggiore immediatezza per l'utente medio oltre al costo nettamente inferiore dei videoregistratori VHS rispetto ai registratore DVD da salotto.-

storia del SISTEMA VHSper saperne di piu'

Playtime Home Video

Gong Video

Video piu'

Durium

Antoniana Film

GVR Realvision

999 Home Video

Unviversal Video

Domo Video

Stardust

Avo Film

Cinehollywood

I.T.B. video

le piu' autorevoli case produttrici di vhs vintage che hanno commercializzato le pellicole piu' rare buona visione !!!

Cinelux video

Cinehillyuwood

Concorde

Video Europa

San Paolo Film

TVU video

Silma

Multivision

Creazioni vieo Titanus

Gruppo logica 2000 video

Master Video

Dal 1991 nel meraviglioso mondo del collezionismo!!Se hai una collezione da vendere contattami subito, o vuoi svuotare la tua cantina da vecchi giocattoli...contattami subito

LE VHS DEL MESE LE VHS DEL MESE LE VHS DEL MESE LE VHS DEL MESE LE VHS DEL MESE

CONTATTAMI.... CONTATTAM.... CONTATTAM....CONTATTAMI!

collezione privata collezione privata collezione privata collezione privata collezione privata

A&S Video

Eden Video